Intelligence GB: la mobilitazione sarà una sfida difficile per il Cremlino

“È probabile che la Russia si troverà a lottare con le sfide logistiche e amministrative necessarie per radunare persino i 300.000 riservisti mobilitati dal decreto di Putin”. Lo sottolinea l’intelligence britannica nel suo rapporto quotidiano sulla situazione sul campo in Ucraina. Secondo gli 007 di Londra, Putin “probabilmente tenterà di schierare nuove formazioni con molte di queste truppe, che difficilmente saranno per mesi inadatte al combattimento”. Sempre secondo gli analisti britannici, “è probabile che anche questa mobilitazione parziale risulti altamente impopolare in parte della popolazione russa. Putin sta accettando un considerevole rischio politico nella speranza di generare la tanto necessaria potenza di combattimento. La mossa è di fatto un’ammissione che la Russia ha esaurito la sua scorta di volontari disposti a combattere in Ucraina“. Intanto salgono le proteste all’interno del Paese. Le forze dell’ordine russe hanno fermato 1.311 persone ieri sera durante le proteste proclamate in seguito all’annuncio della mobilitazione parziale del presidente, Vladimir Putin. Secondo quanto riferisce l’organizzazione non governativa Ovd, le proteste si sono svolte in 38 citta’ russe e sono durate sino a tarda notte.

Condividi articolo
Facebook
WhatsApp
Telegram
Twitter
LinkedIn
Email

Leggi altro

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Centenario dell’Aeronautica. Ecco i francobolli commemorativi.

𝙂𝙡𝙞 𝙤𝙩𝙩𝙤 𝙛𝙧𝙖𝙣𝙘𝙤𝙗𝙤𝙡𝙡𝙞 𝙘𝙤𝙢𝙢𝙚𝙢𝙤𝙧𝙖𝙩𝙞𝙫𝙞 𝙨𝙤𝙣𝙤 𝙨𝙩𝙖𝙩𝙞 𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚𝙣𝙩𝙖𝙩𝙞 𝙖𝙡 𝙈𝙞𝙣𝙞𝙨𝙩𝙚𝙧𝙤 𝙙𝙚𝙡𝙡𝙚 𝙄𝙢𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚 𝙚 𝙙𝙚𝙡 𝙈𝙖𝙙𝙚 𝙞𝙣 𝙄𝙩𝙖𝙡𝙮, 𝙖𝙡𝙡𝙖 𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙙𝙚𝙡 𝙢𝙞𝙣𝙞𝙨𝙩𝙧𝙤 𝘼𝙙𝙤𝙡𝙛𝙤 𝙐𝙧𝙨𝙤 𝙚 𝙙𝙚𝙡 𝘾𝙖𝙥𝙤