Nessuno tocchi i guardiacoste. Il Cocer contro i giornalisti faziosi.

Riceviamo e pubblichiamo la nota COCER

In merito ai fatti recenti successi a Crotone, e le polemiche scaturite, in qualità di delegato Cocer Marina e Guardia Costiera prendo le distanze da coloro e da una certa stampa che giudica, condanna offende e critica senza rispetto i nostri guardiacoste italiani.

Da ciò che si apprende dalle dichiarazioni delle istituzioni i colleghi di Crotone, appena ricevuta la prima chiamata di soccorso, sono intervemiti in breve tempo ed hanno salvato più una persona. Tutto ciò rischiando la propria vita perché la costa in quella zona è frastagliata di scogli e secche. Non sta a me dire a chi spettava fare cosa, quando e come e se l’operazione era di polizia o di soccorso. Le responsabilità per il coordinamento dei soccorsi sono della Guardia Costiera che fa capo al Ministero delle Infrastrutture. Inoltre i guardiacoste sono anche Ufficiali e agenti di polizia giudiziaria nonché alle dipendenze del ministero degli Interni quando.concorrono al contrasto dell immigrazione clamdestina. Sono testimone di come tutti i colleghi sono vicini al personale di Crotone nonché al Comandante Generale dotato di una preparazione e professionalità riconosciuta a livello internazionale. Piu volte la rappresentanza militare ha deliberato apprezzando il lavoro duro di chi rischia la vita per salvarne altre. Per questo sento di ribadire: NESSUNO TOCCHI I GUARDIACOSTE

Lo dichiara Antonello Ciavarelli delegato COCER Marina e Guardia Costiera

Condividi articolo
Facebook
WhatsApp
Telegram
Twitter
LinkedIn
Email

Leggi altro

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Centenario dell’Aeronautica. Ecco i francobolli commemorativi.

𝙂𝙡𝙞 𝙤𝙩𝙩𝙤 𝙛𝙧𝙖𝙣𝙘𝙤𝙗𝙤𝙡𝙡𝙞 𝙘𝙤𝙢𝙢𝙚𝙢𝙤𝙧𝙖𝙩𝙞𝙫𝙞 𝙨𝙤𝙣𝙤 𝙨𝙩𝙖𝙩𝙞 𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚𝙣𝙩𝙖𝙩𝙞 𝙖𝙡 𝙈𝙞𝙣𝙞𝙨𝙩𝙚𝙧𝙤 𝙙𝙚𝙡𝙡𝙚 𝙄𝙢𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚 𝙚 𝙙𝙚𝙡 𝙈𝙖𝙙𝙚 𝙞𝙣 𝙄𝙩𝙖𝙡𝙮, 𝙖𝙡𝙡𝙖 𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙙𝙚𝙡 𝙢𝙞𝙣𝙞𝙨𝙩𝙧𝙤 𝘼𝙙𝙤𝙡𝙛𝙤 𝙐𝙧𝙨𝙤 𝙚 𝙙𝙚𝙡 𝘾𝙖𝙥𝙤