Allarme della Nato, caccia russi sfiorano le navi dell’Alleanza sul Mar Baltico

di Alessandro Rosi

Nuovo allarme della Nato. Due caccia russi hanno sfiorato le navi dell’Alleanza nel Mar Baltico. Una manovra considerata “pericolosa e poco professionale”. L’episodio è avvenuto giovedì, quando gli aerei di Mosca si sono avvicinati molto alle navi europee: a un’altitudine di 300 piedi (91 metri) e una distanza di 80 iarde (73 metri). Peraltro senza che i loro piloti rispondessero alle comunicazioni. La Russia continua con la sua strategia della tensione con l’Occidente. «La mattina del 17 novembre, due aerei da guerra russi si sono avvicinati in modo non sicuro e poco professionale allo Standing NATO Maritime Group 1 (SNMG1), che stava conducendo operazioni di routine nel Mar Baltico», spiega la dichiarazione.

Nessuna risposta

I piloti russi non hanno risposto alle comunicazioni di consultazione permanente delle forze alleate e hanno sorvolato a un’altitudine di 91 metri e una distanza di 73. La Nato descrive questa “interazione” come “poco sicura e poco professionale” poiché è stata effettuata in una zona di pericolo noto. Perché? È in corso l’addestramento alla difesa aerea. Quello che è successo “ha aumentato il rischio di errori di calcolo, errori e incidenti “, ha spiegato l’Alleanza. “Le forze della Nato hanno agito in modo responsabile, svolgendo la loro missione, nel pieno rispetto dei regolamenti aerei e marittimi internazionali”, ha affermato l’organizzazione nella sua dichiarazione. L’Alleanza ha avvertito che ” risponderà in modo appropriato a qualsiasi interferenza con attività legali della NATO nell’area che metta in pericolo la sicurezza dei nostri aerei, navi o dei loro equipaggi”. Tuttavia, l’organizzazione internazionale ha precisato che “non cerca lo scontro e non rappresenta alcuna minaccia”.

Condividi articolo
Facebook
WhatsApp
Telegram
Twitter
LinkedIn
Email

Leggi altro

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Centenario dell’Aeronautica. Ecco i francobolli commemorativi.

𝙂𝙡𝙞 𝙤𝙩𝙩𝙤 𝙛𝙧𝙖𝙣𝙘𝙤𝙗𝙤𝙡𝙡𝙞 𝙘𝙤𝙢𝙢𝙚𝙢𝙤𝙧𝙖𝙩𝙞𝙫𝙞 𝙨𝙤𝙣𝙤 𝙨𝙩𝙖𝙩𝙞 𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚𝙣𝙩𝙖𝙩𝙞 𝙖𝙡 𝙈𝙞𝙣𝙞𝙨𝙩𝙚𝙧𝙤 𝙙𝙚𝙡𝙡𝙚 𝙄𝙢𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚 𝙚 𝙙𝙚𝙡 𝙈𝙖𝙙𝙚 𝙞𝙣 𝙄𝙩𝙖𝙡𝙮, 𝙖𝙡𝙡𝙖 𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙙𝙚𝙡 𝙢𝙞𝙣𝙞𝙨𝙩𝙧𝙤 𝘼𝙙𝙤𝙡𝙛𝙤 𝙐𝙧𝙨𝙤 𝙚 𝙙𝙚𝙡 𝘾𝙖𝙥𝙤