Troppo grassa per il concorso dei carabinieri ma il TAR corregge l’Arma e riassume la ragazza.

Nel corso delle prove psicofisiche c’era stata una errata valutazione dei parametri previsti che aveva portato all’esclusione della donna
Era stata esclusa dal concorso per duemila allievi carabinieri in ferma quadriennale perché ritenuta grassa nel corso delle prove psicofisiche.

Ma c’era stata un’errata valutazione dei parametri previsti e, quindi, dopo il ricorso al Tar, alla fine è stata assunta. La protagonista è una palermitana 32enne di origini tunisine. Inizialmente il suo indice di massa corporeo (Imc) e la sua massa grassa erano risultati oltre il limite consentito, il tutto a causa dell’altezza rilevata in sede concorsuale. Ma dopo le nuove verifiche disposte nel corso del giudizio di primo grado, la candidata è risultata in realtà essere più alta e dunque i parametri, comparati alla reale altezza, rientravano nei limiti previsti dal bando.

Esclusa dal concorso carabinieri perché troppo grassa, ma… – “La conferma dell’erroneità della citata misurazione – si legge nella sentenza del Tar del Lazio – si evince dagli stessi atti matricolari depositati dall’interessata (e non contestati dall’amministrazione), dai quali emerge che l’altezza dell’odierna appellata, che come dalla medesima riferito è stata nuovamente misurata all’atto del reclutamento, è risultata pari a 172 centimetri” (e non 170, come rilevato dalla commissione, ndr).

Condividi articolo
Facebook
WhatsApp
Telegram
Twitter
LinkedIn
Email

Leggi altro

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Un anno straordinario

Se ci fosse il premio “generale dell’anno” allora questo andrebbe indubbiamente al Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Luca Goretti. I cento anni dell’Arma azzurra sono