Carcere di Aversa, aggredito con forza agente. Ira dei sindacati.

Diversi episodi di violenza con vittime poliziotti penitenziari, avvenuti nelle carceri campane, l’ultimo ad Aversa (Caserta) con un poliziotto aggredito da un detenuto, sono stati segnalati dai sindacati degli agenti Sappe e Osapp. Il Sappe, in una nota del segretario generale Donato Capece, parla di “eventi critici accaduti nelle carceri di Avellino e Nisida, mentre in quello di Poggioreale a Napoli sono stati scoperti telefonini e droga nelle celle”. “Ieri ad Aversa – racconta Capece – un detenuto si è scagliato contro l’Agente al rientro dalla funzione religiosa. La situazione si è fatta subito tesa, ma il provvidenziale intervento degli altri agenti ha permesso di contenere la furia dell’uomo. Rivolgo un plauso a tutto il personale di Polizia Penitenziaria, che con grande professionalità ha fronteggiato una situazione allarmante, ma auspico l’adozione urgente di provvedimenti, da parte dell’Amministrazione Penitenziaria regionale, per il carcere di Aversa”. Il Segretario regionale Osapp della Campania Vincenzo Palmieri, spiega che “la condotta violenta, le minacce, le offese e l’ingiuria del detenuto contro il personale di Polizia Penitenziaria sono reiterate nel tempo, ciò nonostante, non si è mai provveduto al suo trasferimento in un’altra struttura penitenziaria più adeguata alla sua condotta, tenuto conto che Aversa è una casa di reclusione che dovrebbe ospitare persone private della libertà rispettosi delle regole penitenziarie e del rispetto dei percorsi di inserimento per maturare benefici di legge”.

Condividi articolo
Facebook
WhatsApp
Telegram
Twitter
LinkedIn
Email

Leggi altro

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Centenario dell’Aeronautica. Ecco i francobolli commemorativi.

𝙂𝙡𝙞 𝙤𝙩𝙩𝙤 𝙛𝙧𝙖𝙣𝙘𝙤𝙗𝙤𝙡𝙡𝙞 𝙘𝙤𝙢𝙢𝙚𝙢𝙤𝙧𝙖𝙩𝙞𝙫𝙞 𝙨𝙤𝙣𝙤 𝙨𝙩𝙖𝙩𝙞 𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚𝙣𝙩𝙖𝙩𝙞 𝙖𝙡 𝙈𝙞𝙣𝙞𝙨𝙩𝙚𝙧𝙤 𝙙𝙚𝙡𝙡𝙚 𝙄𝙢𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚 𝙚 𝙙𝙚𝙡 𝙈𝙖𝙙𝙚 𝙞𝙣 𝙄𝙩𝙖𝙡𝙮, 𝙖𝙡𝙡𝙖 𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙙𝙚𝙡 𝙢𝙞𝙣𝙞𝙨𝙩𝙧𝙤 𝘼𝙙𝙤𝙡𝙛𝙤 𝙐𝙧𝙨𝙤 𝙚 𝙙𝙚𝙡 𝘾𝙖𝙥𝙤