Agente della Polizia Penitenziaria aggredito a Biella, 30 giorni di prognosi.

Aggredito un agente della Polizia Penitenziaria alla casa circondariale di Biella. Ha ricevuto un pugno in pieno volto da un detenuto con una prognosi di 30 giorni. La denuncia arriva dalla segreteria della Fns Cisl Piemonte Orientale. “Ormai le aggressioni fisiche nei confronti dei poliziotti nelle carceri sono diventate un fenomeno inarrestabile, i poliziotti penitenziari hanno diritto di svolgere il proprio servizio in totale sicurezza, senza essere vittime di un sistema penitenziario ormai al collasso”, spiegano dal sindacato. A Biella altra aggressione era avvenuta a fine dicembre sempre ai danni di un agente. “Speriamo che i soggetti responsabili vengano trasferiti, al più presto, in un altro Istituto – spiegano dal sindacato -. La politica deve intervenire a difesa dell’incolumità dei poliziotti penitenziari”.

Condividi articolo
Facebook
WhatsApp
Telegram
Twitter
LinkedIn
Email

Leggi altro

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Centenario dell’Aeronautica. Ecco i francobolli commemorativi.

𝙂𝙡𝙞 𝙤𝙩𝙩𝙤 𝙛𝙧𝙖𝙣𝙘𝙤𝙗𝙤𝙡𝙡𝙞 𝙘𝙤𝙢𝙢𝙚𝙢𝙤𝙧𝙖𝙩𝙞𝙫𝙞 𝙨𝙤𝙣𝙤 𝙨𝙩𝙖𝙩𝙞 𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚𝙣𝙩𝙖𝙩𝙞 𝙖𝙡 𝙈𝙞𝙣𝙞𝙨𝙩𝙚𝙧𝙤 𝙙𝙚𝙡𝙡𝙚 𝙄𝙢𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚 𝙚 𝙙𝙚𝙡 𝙈𝙖𝙙𝙚 𝙞𝙣 𝙄𝙩𝙖𝙡𝙮, 𝙖𝙡𝙡𝙖 𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙙𝙚𝙡 𝙢𝙞𝙣𝙞𝙨𝙩𝙧𝙤 𝘼𝙙𝙤𝙡𝙛𝙤 𝙐𝙧𝙨𝙤 𝙚 𝙙𝙚𝙡 𝘾𝙖𝙥𝙤