Il centro di Torino distrutto dagli anarchici. La Digos intensifica le indagini.

A Torino si contano i danni provocati dalla violenza dei manifestanti. Gli anarchici ieri pomeriggio hanno dato vita al corteo per Alfredo Cospito. Oltre venti le auto danneggiate, una decina i negozi e altrettante le sedi di banche con le vetrine spaccate. Tutti i muri delle case, da via Pietro Micca a via della Consolata, per centinaia di metri, sono stati imbrattati con scritte. Capsule di vernice sono state lanciate anche contro il santuario della Consolata, uno dei luoghi più cari ai torinesi.

Sul sagrato della chiesa è stata scritta a caratteri cubitali una bestemmia, sulla quale questa mattina i fedeli hanno posato alcune rose. I danni nel centro di Torino sono ingenti avrebbero potuto essere maggiori se non ci fosse stata, da giorni, un’intensa attività da parte della Digos della Questura di Torino, che ha sequestrato bastoni, materiale esplodente e altri oggetti destinati alla distruzione del cuore della capitale sabauda. I più violenti hanno utilizzato anche pali e cartelli segnaletici, tombini in ghisa e pietre del tratto di strada.

Condividi articolo
Facebook
WhatsApp
Telegram
Twitter
LinkedIn
Email

Leggi altro

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Centenario dell’Aeronautica. Ecco i francobolli commemorativi.

𝙂𝙡𝙞 𝙤𝙩𝙩𝙤 𝙛𝙧𝙖𝙣𝙘𝙤𝙗𝙤𝙡𝙡𝙞 𝙘𝙤𝙢𝙢𝙚𝙢𝙤𝙧𝙖𝙩𝙞𝙫𝙞 𝙨𝙤𝙣𝙤 𝙨𝙩𝙖𝙩𝙞 𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚𝙣𝙩𝙖𝙩𝙞 𝙖𝙡 𝙈𝙞𝙣𝙞𝙨𝙩𝙚𝙧𝙤 𝙙𝙚𝙡𝙡𝙚 𝙄𝙢𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚 𝙚 𝙙𝙚𝙡 𝙈𝙖𝙙𝙚 𝙞𝙣 𝙄𝙩𝙖𝙡𝙮, 𝙖𝙡𝙡𝙖 𝙥𝙧𝙚𝙨𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙙𝙚𝙡 𝙢𝙞𝙣𝙞𝙨𝙩𝙧𝙤 𝘼𝙙𝙤𝙡𝙛𝙤 𝙐𝙧𝙨𝙤 𝙚 𝙙𝙚𝙡 𝘾𝙖𝙥𝙤