I caschi dei piloti US Air Force saranno made in Italy

Racing Force Group, gruppo leader nel settore dei prodotti di sicurezza per il motorsport e quotato al mercato Euronxet Growth Milan, annuncia che la sua controllata statunitense Racing Force Usa, ha firmato un memorandum of understanding con LIFT Airborne Technologies per la produzione di calotte in carbonio per il Next Generation Fixed-Wing Helmet (NGFWH) progettato per la United States Air Force. Racing Force produrrà la calotta in carbonio per LIFT, per le versioni del NGFWH destinate ad applicazioni militari e civili. L’8 luglio scorso l’Aeronautica Militare statunitense, attraverso il suo Program Management Office, ha annunciato che LIFT è stato il vincitore finale del concorso pluriennale NGFWH per proseguire con lo sviluppo di prototipi di un nuovo casco per gli equipaggi di aerei ad ala fissa dell’Aeronautica Militare. Il progetto è iniziato nel 2018 attraverso il programma USAF AFWERX, implementato per aumentare la competizione, incoraggiare l’innovazione e incorporare nuove tecnologie nello sviluppo di un nuovo casco per l’USAF. Racing Force è stata partner tecnologico di Lift per sviluppare e produrre la calotta in carbonio del LIFT AV2.2 NGFWH, un casco da volo ad ala fissa avanzato, sviluppato per i piloti dell’USAF. Oltre all’USAF, il LIFT AV2.2 ha suscitato interesse in tutto il mondo da parte di numerosi potenziali clienti desiderosi di mettere in campo il più avanzato casco da volo ad ala fissa mai sviluppato per i militari e per i settori commerciali. Racing Force Group Racing Force, con sede in 3 diversi continenti, a Ronco Scrivia (sede centrale) e Pisa in Italia, Sakhir in Bahrain e Miami negli Stati Uniti – è tra i leader mondiale nella produzione di prodotti per la sicurezza negli sport motoristici – con i marchi Bell Helmets, OMP, Zeronoise e Racing Spirit – utilizzati in tutti i campionati mondiali di automobilismo e karting ed in tutto il mondo da atleti professionisti ed amatoriali, team di gara e case automobilistiche.

Condividi articolo
Facebook
WhatsApp
Telegram
Twitter
LinkedIn
Email

Leggi altro

Potrebbero interessarti anche questi articoli: